Giovanni Perazzo

Download PDF

Un’altro Saclantico che ci abbandona. Stamani ho avuto notizia che il nostro collega Giovanni Perazzo ci ha lasciati. Ho conosciuto Giovanni nel lontano 1963 appena entrato al Centro Saclant. Non ricordo bene forse era entrato con il gruppo di Micarelli, come ditta esterna addetta alla manutenzione dell’edificio ed i suoi impianti. In seguito

tutto il gruppo fu assunto stabilmente. Ricordo che è sempre stato un bravo ragazzo, lavoratore, educato e sempre disponibile. I miei rapporti, per diversità e tipo di lavoro erano piuttosto sporadici, ma mi è rimasta un’impressione piacevole e gentile nei suoi riguardi. Senz’altro altri colleghi avranno dei ricordi più particolareggiati per essere stati più a contatto di gomito con Giovanni, che ci lascia a soli 79 anni dopo una malattia che non perdona. Non mi rimane altro che porgere le mie più sentite condoglianze alla famiglia da parte di tutti i Saclantici. Ciao Giovanni.

P:S. Le esequie avranno luogo Mercoledì 23/05/2018 alle 10:00 alla Chiesa dell’ospedale di La Spezia

2 pensieri su “Giovanni Perazzo

  1. Ciao Giovanni, la tua simpatia e il tuo umorismo hanno deliziato tanti nostri giorni, quando venivi in magazzino all’ora di pranzo, per consumare il tuo pasto insieme a Oriente e a me. Ti abbiamo sempre considerato un fratello, e lo stesso tu dicevi di noi: “Per me siete come fratelli”. Un lavoratore instancabile, sempre pronto ad aiutare. Che il Cielo aiuti e consoli quelli che lasci e accolga te con gioia!

  2. Giovanni? Un grande ingegno e modesto. Era il mago delle casseforti. In pochi minuti cambiava la meccanica o la combinazione. Molti lo hanno apprezzato per la sua disponibilità. Il centro ha apprezzato il suo lavoro…. infatti, anche quando è andato in pensione non l’ha dimenticato…. ed ogni tanto lo richiamavano per fare le cose difficili.
    Ogni tanto lo incontravo anche in montagna. Era un assiduo frequentatore del Trentino ed in modo particolare di Levico sempre in compagnia della moglie. Ultimante accusava qualche disturbo ma mai avrei sospettato che fosse vittima anche lui di quel male indicibile che ha colpito molti nei nostri colleghi.
    Questa cosa mi fa pensare da molti anni. Un mistero che nessuno è mai riuscito a svelare.
    Sono sicuro che gli verranno affidate le chiavi del Paradiso.
    Addio Giovanni.

Lascia un commento