I Granchi di Plymouth

Download PDF

I Granchi di Plymouth
di Andrea Cavanna

Era la prima volta che andavo a Plymouth in Inghilterra, era luglio del 1985, c’ero arrivato imbarcato sulla Maria Paolina G. e come di consueto la nave venne ormeggiata in una base militare che in quella città era molto lontano dal centro.
Quella mattina eravamo scesi presto dalla nave, dovevamo compiere la missione “Pesce fresco”. La squadra era composta da Giuliano Bertoli, Ettore Capriulo, Orfeo Chiappini, ed io e forse qualcun altro ma non ricordo chi.
Partimmo quindi di gran lena. Per arrivare al mercato del pesce dovevamo attraversa tutta la città, passammo anche per un bel parco molto curato. Manco a dirlo eravamo in Inghilterra.
Nel parco c’era un sottopasso che reggeva un sovrastante vialetto del parco. Sotto l’arco c’era un gruppo di ragazzi che formavano una piccola Band Musicale, mi sembra che fossero un trio di chitarre e suonavano una musica molto gradevole, accompagnavano anche un cantante o, forse, cantavano tutti e tre.
Restammo colpiti dalla bravura di questi giovani musicisti ma dovevamo compiere la nostra missione quindi riprendemmo il cammino. Fatti pochi passi uno di noi disse: “Sono troppo bravi, non possiamo andar via senza lasciare loro un po’ di soldi”. Tornammo prontamente in dietro e così facemmo.
Giunti al mercato facemmo un giro per i banchi per vedere cosa offrivano. Alla fine della ricognizione decidemmo di comprare dei granchi, erano enormi e ce n‘erano per tutti. Ne granchi  comprammo mi pare una trentina di chili. Ce li “fasciarono” in una sacco di juta, erano vivi.
Per ritornare a bordo prendemmo un taxi, un taxi inglese quelli fatti strani ma funzionali, infatti trasportammo molto agevolmente il sacco, frutto della nostra missione.
Arrivati alla nave prendemmo il sacco per i quattro angoli, era molto pesante, lo issammo a bordo e lo portammo in cucina. Raffaele, il cuoco di bordo, ci stava aspettando ma non si aspettava che ci portassimo trenta chili di granchi. Di primo acchito Raffaele sembrava sorpreso, ma lo rimase ancora di più quando aprimmo il sacco e i granchi, ancora vivi invasero la piccola cucina, camminando in ogni dove. Finalmente Raffaele e il secondo cuoco Posati ebbero la meglio sui granchi e si apprestarono a cucinarli. Dovevano essere cucinati e consumati a cena.
Il menù era presto fatto: Spaghetti alla polpa di granchio e per secondo un granchio a testa.
Nelle occasioni speciali, e questa era una occasionetavolataspeciale, non cenavamo nella saletta della nave, non c’erano posti a sufficienza per tutti in un turno unico ma bensì nella saletta del ping-pong. La tavola del ping-pong sembrava fatta a posta per ospitarci tutti.
Nei ristoranti quando si mangiano i granchi forniscono delle posate speciali con le quali si aprono agevolmente il guscio e le chele dei granchi. Noi non eravamo al ristorante e non avevamo le posate speciali, ci accontentammo di pinze e cacciaviti.
Per primo mangiammo gli spaghetti alla polpa di granchi che erano ottimi e cotti al punto giusto, lo ricordo ancora adesso, poi furono serviti i granchi, uno a testa ma qualcuno ne mangiò più di uno, forse tre. Quel qualcuno si chiamava Vincenzo Dell’Agnello, un vero patito dei granchi, basta osservare l’espressione nella foto qui sotto.

Vincenzo

Articoli recenti

Omar Burroni

Download PDF

Ancora un altro Saclantico DOC ci ha lasciati.E’ il nostro caro amico e collega Omar Burroni. Si, Doc, perché è stato uno dei primi ad essere assunto nell’anno di fondazione del Centro nel lontano 1959 ed è rimasto con noi fino al limite d’età nel 1992. Lo troverete alla pag. 1 del nostro annuario.

Omar con il figlio Alessandro al pranzo dei Saclantici del 25 Maggio del 2017

Chi non ha conosciuto Omar e le sue barzellette? Penso sia stata la persona più conosciuta del Centro o perlomeno quella che tra le prime ognuno di noi ha conosciuto per il suo modo di rapportarsi con gli altri, sempre sorridente, pronto alla battuta, da buon toscano, era di Castelfiorentino, conosceva bene l’inglese e questo gli serviva per stabilire un buon rapporto anche con gli stranieri e comandanti militari che spesso doveva accompagnare  in auto per servizio.

Accadeva talvolta che faceva da autista anche a noi tecnici che magari dovevamo partire per qualche viaggio in aereo e ci accompagnava all’aeroporto, magari a Milano o a Genova. Potevi star tranquillo che il viaggio ti passava in un lampo, intrattenuti come eravamo dal nostro simpatico autista. Dopo un pò d’anni passo al servizio in ufficio dove si occupava di organizzare viaggi di servizio per il personale. Quando andavamo al bar per il caffè di mezza mattina, se c’era Omar si formava subito un crocchietto di persone che ascoltavano le sue battute e barzellette.Caro Omar, sei tra quelle persone che non verranno mai dimenticate.

Sentite condoglianze a te Alessandro e a tutta la Famiglia. Piero e tutti i saclantici

Alcune testimonianze riportate nel gruppo WhatsApp de iSaclantici.

  1. 2 Risposte
  2. Buon Natale 2018 e Felice 2019 3 Risposte
  3. Prossimi pensionamenti 3 Risposte
  4. Settimana bianca 2019 1 Risposta
  5. XV Pranzo Saclantico Aggiornamento Lascia una risposta
  6. XV Pranzo Saclantico 3 Risposte
  7. Hermand family Lascia una risposta
  8. Lutti improvvisi Lascia una risposta
  9. Suoni dal Golfo Lascia una risposta